giovedì 25 giugno 2009

Le pagelle: GARETH PUGH SPRING SUMMER 2009



Quello della mantellina fatta di sorci… ormai tutti lo conoscono po’ così, ma Gareth Pugh è anche molto altro… è anche quello che ha disegnato l’albero di natale fatto di neon esposto nel grandissimo Top Shop di Londra.
Una collezione, una couture.. si va oltre il corpo e le umane misure… la vincita del premio ANDAM (Association Nationale pour le Développement des Arts de la Mode) gli consente di sfilare a Parigi, essere stato adocchiato da Madama Wintour Somejodefrancasozzani gli concede diecimila altri privilegi.
Sfilano androidi in black and white, protetti da armature futuristiche e lamellari, in questa collezione altamente strutturata che porta avanti una serie di concetti che io ritengo ancora ancorati a sperimentazioni più moderne che contemporanee.
Sono i personaggi della scala quaranta, quelli di Alice di Cerignola delle meraviglie dopo migliaia di anni di sudditanza e devozione dimostrata verso la Regina di Cuori e Piero Pelù.. sfila la coatta romana del 3400, la gotica del 4000 dC dall’ascella tostapane.
Visionaria, geometrica, composita, il germoglio ispirativo iniziale si completa in una opulenta fioritura… forse troppo bianca, forse troppo alternata al nero… un rigore che non lascia spazio a nessun respiro che non sia perfettamente calcolato… e questo la fa diventare una collezione troppo fredda e triste.
Un cinque.

7 commenti:

  1. Bah non mi piace proprio...3

    RispondiElimina
  2. non mi piace ma questa è creatività pura quindi io darei anche la sufficienza

    RispondiElimina
  3. x Elia:
    Basta creare e prendi 6? Va bene tutto?
    Si possono creare anche delle grandi cazz...
    E mi sa che questo è proprio il caso.

    RispondiElimina
  4. Ale anche Galliano secondo me crea molte cazzate ma sono sempre apprezzate dai giornali...

    RispondiElimina
  5. Nel mondo della moda girano tanti di quei soldi che ce ne sono pochi giornali che parlano male... Semmai tacciono!
    E poi io esprimo la mia opinione, non quella "dei giornali".

    RispondiElimina
  6. Penso che, come ogni cosa, il giusto mezzo sia la strada migliore... io la collezione l'ho trovata troppo sterile e fredda e quello che alla fine dei conti è l'idea portabile non mi convince

    RispondiElimina
  7. Darei un pochino di piu per aver rivisitato la fraise, ma è vero che anche qui... è un po cadunco !

    RispondiElimina