lunedì 21 marzo 2011

Le pagelle: AQUILANO.RIMONDI FALL WINTER 2011 2012


Stimolati forse dal carattere d'instabilità che caratterizza ancora oggi la loro collaborazione con maison Ferré (dopo l'acquisizione del brand da parte della famiglia Sankari che sembra ancora dubbiosa se mantenere o no i rapporti a lungo termine con Tommaso e Roberto), il duo Aquilano e Rimondi torna a puntare sul suo marchio che da tempo sembrava essere stato accantonato in standby con collezioni che necessitavano di maggior carattere e omogeneità. Da Mondrian a "Il Gladiatore", da Trieste in giù, l'elemento grafico presente come geometrismo o rielaborazione del pied de poule diventa l'elemento caratterizzante dell'intera collezione specialmente quando si materializza in superfici riflettenti color oro, terra dorata, ruggine o sabbia, profilate di borchie e Swarovski e racchiuse da fasce a contrasto che scannerizzano tutta la silhouette in verticale. Tinta decisiva il curry che abbinato ora al rosa, ora al sabbia, ora al terra di siena bruciata caratterizza cappotti leggermente a uovo con maniche large a 3/4 e abiti sleeveless al ginocchio su cui sono montati suggestivi macro colli. Tonalità naturali spruzzate di effetti metallizzati (quasi un'eco delle ultime esperienze in maison Ferré) e forme sicure (deliziosa la costruzione delle spalle e delle maniche nel coat sleeveless con macro collo di volpe) contribuiscono a disegnare una collezione suggestiva e preziosa, una femminilità classica ricercata con soluzioni moderne. Tocco di classe i micro gloves contrastati con tonalità più accese sul perimetro del fondo che riprendono il tema dei colletti e i sandali gladiator con cinturini borchiati sul collo del piede. Bella, Aquilano e Rimondi are back! Un 8.

2 commenti: